Stabilizzatori giroscopici VEEM Gyro al salone di Genova

La scelta ideale per i superyacht.

Il sistema dell’azienda australiana distribuito in esclusiva in Italia e in Europa
da Saim Marine protagonista della vetrina genovese

Dal continente oceanico all’Europa per il debutto italiano al Salone di Genova.

Gli stabilizzatori australiani VEEM Gyro sono adatti ad ogni tipo di imbarcazione a partire dai 130’ e offrono un’efficienza maggiore rispetto a quanto fornito da sistemi concorrenti.

Due modelli per superyacht di varie dimensioni, da installare in fase di costruzione o in barche già costruite: VEEM Gyro 120 (120 kNm) e VEEM Gyro 260 (260 kNm). La scelta del modello dipende dal livello di attenuazione del rollio che si intende ottenere, dal tipo di onde che si possono affrontare e dalle caratteristiche della barca.

Ad asse verticale, sono studiati per attenuare il rollio fino al 95%, quando l’imbarcazione è all’ancora e si muove a bassa velocità, grazie al potente volano che lavora in ambiente sottovuoto. Senza pinne, richiedono solo alimentazione elettrica e una presa d’acqua di raffreddamento per l’ installazione; per la manutenzione non è necessario sbarcare l’impianto nel caso di un intervento tecnico.

Gli stabilizzatori VEEM Gyro dispongono di controllo idraulico attivo e possono lavorare senza problemi anche con altri stabilizzatori installati a bordo, pilota automatico, sistemi di posizionamento senza un software di interfaccia.

Il software brevettato di controllo “smart torque” (“coppia torcente intelligente”) permette che il rollio sia ridotto al massimo se le condizioni di mare e la velocità della barca cambiano e permette di ottenere le stesse prestazioni di un sistema più grande a controllo passivo.

http://www.veemgyro.com/

Copyright © 2012 Saim SpA. All rights reserved. Sede Legale: Via L. B. Alberti 10, 20149 Milano – P.IVA 00847030152
Cap. soc: 2.160.000,00 € – R.E.A. Milano n. 807037 – Reg. Imp. n. 143011 Tribunale di Milano
Design PSWEB.it di Pierpaolo Sandroni | Sviluppo IoSviluppo.net di Roberto Calabrese